Chimica nucleare

lezione
Chimica nucleare
Tipo di risorsa Tipo: lezione
Materia di appartenenza Materia: Chimica

Il termine radioattività, coniato intorno al 1898 da Pierre e Marie Curie, descrive il fenomeno fisico naturale durante il quale i nuclei atomici instabili si disintegrano, rilasciando energia sotto forma di radiazioni varie, per trasformarsi in nuclei atomici più stabili.

Una reazione si dice nucleare quando c'è un cambiamento nello stato di uno o più nuclei. Alla reazione partecipano protoni e neutroni (indicati rispettivamente con p e n), ma anche altre particelle, quali elettroni e⁻, positroni e⁺ ....

Le reazioni nucleari sono principalmente di questi tipi:

  • Fissione: La fissione indotta è la disintegrazione in più frammenti, di un nucleo pesante che ha catturato un'altra particella (generalmente un neutrone).
  • Fusione: diversi nuclei leggeri si fondono. (È il modo di produzione dell'energia delle stelle). Questo è anche il tipo di reazione che viene utilizzato nelle cosiddette bombe all'idrogeno.

Coesione del nucleoModifica

L'interazione forte mantiene la coesione dei nucleoni all'interno del nucleo. È la più intensa delle quattro forze fondamentali della natura (da cui il nome). Si caratterizza per il fatto che è fortemente attrattivo a breve distanza (quando i nucleoni si avvicinano molto tra loro), repellente a "media" distanza, e si annulla a lunga distanza. Poiché i protoni sono particelle cariche, interagiscono anche tramite l'interazione di Coulomb.

L'emivitaModifica

L'emivita di un elemento è il tempo indicato con   durante il quale metà dei nuclei nel campione si sono disintegrati.    

  è il numero di nuclei iniziali.

Grazie al tempo di emivita, le cose possono essere datate poiché il tempo di emivita è diverso per ogni elemento.